Islanda/Travel

Tour Islanda del Sud: da Keflavik a Höfn

Se arrivate dall’Italia molto probabilmente arriverete nella terra del ghiaccio e del fuoco atterrando all’aeroporto internazionale di Keflavik. Il romanziere islandese Jón Kalman Stefánsson afferma in un suo romanzo che

“a Keflavik ci sono tre punti cardinali: il vento, il mare e l’eterno.” 

Mi sento di allargare questa descrizione a tutta l’Islanda e in modo particolare al sud di questa giovane isola, nata dalle eruzioni vulcaniche: l’Islanda è la più ampia parte emergente della lunga dorsale medio-atlantica, è battuta dal vento durante tutto l’anno e il suo paesaggio – ora lo posso dire – è in grado di rapire la mente del visitatore come pochi altri luoghi in cui sono stata. A contatto con la natura matrigna che spesso si scatena all’improvviso non si può non pensare allo spazio che l’uomo occupa nella storia della terra, all’infinito. Stefánsson afferma anche a riguardo di Keflavik:

“Mai tra terra e cielo è stata misurata distanza più grande”

CONTINUA A LEGGERE QUESTO POST 

sul nuovo dominio

>> WEARELOCALNOMADS.COM <<

 Jökulsárlón

Annunci

Let's talk about this!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...