Napoli/Racconti/Travel

Loro di Napoli

Appena usciti da un bar di piazza Guglielmo Pepe, con quell’orgoglio tutto intimo ed esclusivo che si prova dopo aver bevuto un caffè a Napoli, ci infiliamo in via del Carmine con fare furtivo e un poco timoroso.

Napoli_quartieri_spagnoli

Napoli è una di quelle città in cui il turista si aggira come in un labirinto, monitorando la situazione e cercando di capire dove si trova, come se dovesse cercare una uscita che in realtà non esiste. Sarà che ci hanno spaventato loro, i napoletani, dicendo che “dappertutto non puoi andare” ma “non ti preoccupare, lo capisci subito se non devi entrare in una via, te lo fanno capire”. E se io non lo avessi capito? Se non avessi intuito i segnali in codice misteriosi che potessero far presagire al peggio? Di solito invece dietro l’angolo non c’è proprio nulla di strano a parte noi o altre sparute coppie di avventurieri che ci fanno tirare un sospiro di sollievo, “ok, via libera”. Da lì comincia uno strano turbine di emozioni che va dall’ebbrezza di sentirsi estraneo, avulso dal contesto, all’imbarazzo di dover frenare un voyeurismo sommesso, cercando sottecchi e a testa bassa lampi di folklore o aneddoti da raccontare. Gli stranieri no.

 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO POST 

sul nuovo dominio

WEARELOCALNOMADS.COM

Annunci

Let's talk about this!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...